Accesso utente

Accedi

Nuove funzionalità del sito

I soci possono accedere alla propria scheda personale, modificare i propri dati, aggiungere una foto e un curriculum. 

Le schede dei soci che forniranno una esplicita autorizzazione in tal senso saranno visibili agli altri soci che hanno effettuato l’accesso al sito. Questa funzionalità è volta a favorire la reciproca conoscenza professionale dei soci e ad agevolare la ricerca di specifiche competenze ed il contatto diretto per instaurare collaborazioni professionali.

Inoltre ciascun socio potrà scegliere se rendere visibile il proprio nome e cognome nell’albo pubblico dei soci AGI, che è stato inserito nel sito web a libero accesso.

A breve saranno attivati anche alcuni forum di discussione relativi alle tematiche geotecniche, parzialmente o totalmente riservati ai soci.

Le istruzioni per il primo accesso all’area personale sono disponibili sul sito. 

Guida primo accesso

Corso di aggiornamento

OPERE DI PROTEZIONE CONTRO LA CADUTA MASSI  ASPETTI PROGETTUALI 

Torino, 12-13 dicembre 2011

GEAM

Allegati:

Resoconto XXIV Convegno Nazionale sui Geosintetici

Il 7 Ottobre 2011 si è tenuto a Bologna il XXIV Convegno Nazionale Geosintetici sul tema “Pavimentazioni e Gallerie”. In particolare sono stati trattati i temi inerenti all’utilizzo dei geosintetici in campo stradale e ferroviario ed alle possibili applicazioni per l’impermeabilizzazione ed il drenaggio delle gallerie.
La conferenza è stata organizzata dall’ AGI ed in particolare dalla Sezione Italiana dell'International Geosynthetics Society (AGI-IGS), congiuntamente a Bologna Fiere-SAIE 2011, con la partecipazione della SIG (Società Italiana Gallerie), della SIIV (Società Italiana Infrastrutture Viarie) e del SITEB (Associazione Italiana Bitume Asfalto Strade), con il patrocinio della ASSIABO (Associazione Ingegneri e Architetti di Bologna) e dell’Università di Bologna (DICAM).
La sessione del mattino coordinata dall’Ing. Claudio Soccodato (Segretario dell’Associazione Geotecnica Italiana) è stata incentrata sul tema delle “Pavimentazioni” mentre la sessione del pomeriggio, coordinata dall’Ing. Daniele Cazzuffi (Presidente di AGI-IGS), ha trattato il tema “Impermeabilizzazione e drenaggio di gallerie”.
Nella prima sessione è stato possibile assistere ad una relazione generale, ad una relazione ad invito e a quattro interventi. In particolare, la relazione generale del Prof. Marco Pasetto (Università di Padova) è stata focalizzata sulle attuali conoscenze sull’utilizzo di geosintetici e reti nel rinforzo di pavimentazioni stradali. La relazione ad invito del Prof. Hervé Di Benedetto (Università di Lione – ENTPE) si è invece soffermata su alcuni aspetti relativi alla modellazione numerica della risposta di materiali stradali in genere. Gli ulteriori contributi del Prof. Francesco Canestrari (Università Politecnica delle Marche), dell’Ing. Gabriele Tebaldi (Università di Parma), dell’Ing. Luis Russo (Huesker srl) e dell’Ing. Moreno Scotto (Officine Maccaferri SpA) hanno analizzato il comportamento meccanico delle interfacce bituminose rinforzate, illustrando anche alcuni casi applicativi relativi a differenti tipologie di rinforzo delle pavimentazioni.
La sessione del pomeriggio, dedicata al tema “Impermeabilizzazione e drenaggio di gallerie”, è stata aperta dalla relazione generale del Prof. Daniele Peila (Politecnico di Torino) dedicata all’utilizzo dei geosintetici in tale campo applicativo, analizzando anche le problematiche e gli aspetti realizzativi. La relazione ad invito dell’Ing. Yves Boissonnas (Amberg Engineering AG di Zurigo) ha mostrato le più significative tecniche adottate nella galleria di base del Gottardo. Gli interventi dell’Ing. Michela Chiorboli (Metro Engineering – Metropolitana Milanese), dell’Ing. Simone Lo Grasso (Associazione Imprese Nazionali Geosintetici), del Geom. Enrico Dal Negro (Mapei UTT SpA) e dell’ Ing. Diletta Traldi (BASF, Construction Chemicals Italia SpA) sono stati invece focalizzati sulle recenti evoluzioni dei sistemi di impermeabilizzazione, di protezione e di drenaggio delle gallerie.
Al termine di ogni sessione si sono aperte interessati discussioni sulle differenti tematiche trattate.
Ai partecipanti al Convegno, oltre agli “extended abstracts” delle relazioni presentate, sono stati consegnati gli Atti del XXIII Convegno Nazionale Geosintetici “Opere di prevenzione e di difesa dal rischio frane” pubblicati a cura di Daniele Cazzuffi da Patron Editore.
Il prossimo XXV Convegno Nazionale Geosintetici sarà organizzato a Bologna nell’Ottobre 2012.

Galleria fotografica

Resoconto 12° Convegno IRSM

Il 12° Convegno Internazione della Società di Meccanica delle Rocce (ISRM) si è tenuto a Pechino dal 18 al 21 di Ottobre ed è stato preceduto, nei giorni 16 e 17, da riunioni del Consiglio dell’ISRM e da 5 workshop e da uncorso breve.

Il Congresso era organizzato in 3 conferenze ad invito la mattina e 4 sessioni parallele, riguardanti gli argomenti principali di studio e ricerca in Meccanica delle Rocce,  il pomeriggio.

E’ stato dato inoltre spazio a diverse sessioni poster in modo da permettere che tutte le note presenti negli Atti avessero la possibilità essere presentate.

Il volume degli Atti dato ai partecipanti racchiude gli “abstract” di tutte le note presentate, mentre i testi di queste note sono riportate in un cd allegato al volume degli Atti. 

La partecipazione al Congresso è stata numerosa: il numero dei partecipanti era intorno a 1000, di cui un gran numero di giovani studenti cinesi.

Al Congresso hanno partecipato numerose delegazioni di tutti i continenti.
La partecipazione italiana è stata invece piuttosto scarsa: erano iscritti 8 delegati. Il Prof. Giani, rappresentante ufficiale dell’AGI,  ne ha contato solo 6 Ferrero, Migliazza e M. Barla hanno presentato, nelle sessioni parallele del Congresso, 3 memorie molto interessanti e scientificamente valide, Giani è stato chairman di una sessione parallela.

Quindi, pur non essendo numerosa, la nostra partecipazione è stata quanto meno molto attiva.

Riunioni dell’ISRM

Giani, come delegato Italiano, ha partecipato alla riunione di lunedì 17 ottobre.

La riunione prevedeva, oltre alla nomina del nuovo presidente e dei vicepresidenti dell’ISRM, il resoconto delle attività dell’ISRM sia a livello mondiale, sia a livello dei singoli continenti.

La riunione prevedeva inoltre i resoconti dei lavori delle varie commissioni ISRM e le presentazioni dei futuri Convegni Internazionali e Regionali di Meccanica delle Rocce.

L’attività dell’ISRM del triennio passato è stata presentata dai precedenti vicepresidenti dei 5 continenti: America del Nord, America del Sud, Australasia, Asia ed Europa.

A parte il vice presidente per l’Europa, gli altri vicepresidenti si sono mostrato molto soddisfatti, se non addirittura entusiasti, dell’interesse e del successo che le attività culturali locali, a livello dei paesi che aderiscono ai 4 continenti, hanno avuto.

In particolare  lo sviluppo della ricerca e degli interessi della Meccanica delle rocce in America del Sud e in Australasia è legato all’industria mineraria, che è di primaria importanza in quei Paesi.

Anche nell’America del Nord, dove aderiscono soltanto Canada e Stati Uniti, la Meccanica delle rocce è legata prevalentemente alla attività mineraria e di sfruttamento degli idrocarburi nel sottosuolo, anche se trovano un buon riscontro l’attività di costruzione di infrastrutture civili e di salvaguardia dell’ambiente.

L’Africa è praticamente rappresentata dal solo Sud Africa, dove è prevalente la Meccanica delle Rocce legata all’attività.

In Asia le attività di Meccanica delle rocce sono piuttosto disperse, in quanto, nel continente, esistono realtà diverse (Israele; Giappone; India;Cina). Anche in questo caso, la Meccanica delle rocce è comunque legata prevalentemente all’attività mineraria ed a quella della realizzazione di infrastrutture civili.

L’attività dell’Europa è stata definita dal vice presidente come molto scarsa, in quanto i Paesi europei hanno prevalentemente ignorato le richieste di notizie del vicepresidente stesso. Tra le attività europee è da segnalare comunque quella dello sviluppo di macchine di scavo di gallerie, soprattutto nei Paesi del Nord, di attività legata alla costruzione di infrastrutture e di difesa dell’ambiente in generale; l’attività mineraria, se si eccettuano alcune situazioni, come quella della Spagna, ha comunque un peso minore rispetto a quello degli altri continenti.

Alla presentazione delle attività dei vari continenti è succeduta la presentazione del lavoro delle varie commissioni.Ilprossimo convegno europeo si svolgerà a Stoccolma e quello successivo (2014) si terrà in Spagna a Vigo.La sede di Vigo è stata scelta in alternativa alle altre sedi proposte di Lione e di Salisburgo.

Alla fine della riunione si sono nominati i vicepresidenti dei vari continenti e si è nominato il presidente (Dr. Feng - Cina) dell’ISRM ed i vice-Presidenti per i vari continenti.